Crea sito

Social media marketing e Nazionale Italiana calcio a 5

 

In questo post vorrei mostrarvi come la Nazionale Italiana di calcio a 5, in vista di tre partite di qualificazioni ai Mondiali di categoria, avvenute lo scorso 15/16 e 18 dicembre a Caltanissetta, abbia puntato il focus della sua comunicazione sul social network per eccellenza, ossia Facebook.

L’obiettivo era quello di creare aspettativa su un target tra i 18/35 anni, per coinvolgere la cittadinanza a partecipare all’evento. Puntando sulla pagina ufficiale della Nazionale di calcio a 5, come prima cosa è stata creata  una landing page di benvenuto focalizzata sulle 3 partite di qualificazione. La stessa pagina è stata suddivisa con diversi tab che raccontano una storia che porta ai vari calciatori, divisi per ruolo (portiere, difensori, centrocampisti e attaccanti) e con una scheda biografica degli stessi. E’ stata creata una sezione chiamata “match”, dove si potevano trovare informazioni sulle tre partite che la squadra avrebbe dovuto affrontare e un’altra, chiamata “multimedia”, con foto e video che raccontavano la storia della Nazionale. La fan page così costruita è stata dapprima promossa attraverso le “classiche” Facebook Ads e poi lasciata diffondere dal passa parola “naturale”.

Inoltre, per incentivare la condivisione della pagina e favorire l’interazione con le persone a ridosso dell’evento è stato attivato un contest mediante il quale gli abitanti della provincia di Caltanissetta hanno avuto la possibilità di vincere una maglia ufficiale della Nazionale Italiana. Ogni giorno, per sette giorni consecutivi, sulla bacheca è stata pubblicata una domanda relativa alla storia della Nazionale. Il più veloce a rispondere aveva la possibilità di vincere.

Tutto ciò è stato creato per offrire all’utente diventato fan un’esperienza, facendogli scoprire il mondo del calcio a 5 e conoscere un evento importante ma poco pubblicizzato dei media tradizionali. Grazie all’avvento di queste nuovi canali, anzi, soprattutto con l’avvento di questi mezzi, anche realtà poco “sponsorizzate” riescono a raggiungere obiettivi prima quanto mai difficili da realizzare, coinvolgendo “fruitori” ben targettizzati, con un ritorno a dir poco soddisfacente.

 

 

 

Ti è piaciuto l'articolo, condividilo con i tuoi amici

Use Facebook to Comment on this Post

Tags: , , , ,

Author:thesocialsoccer

Nato a Terni il 30/04/1982. Laureato in Economia e Master in marketing e comunicazione. Tifoso milanista, appassionato di calcio e di new media.

No comments yet.

Leave a Reply

*

Powered by AlterVista